Ale e la sua Cultura nelle Ricette

Vi capita mai di pensare quando guardate le foto delle foodblogger:” ma sarà anche buono?” A me spesso. Vi dirò che questo meraviglioso lavoro che mi sta portando a trotterellare per i ristoranti e mangiare da numerosi chef stellati, mi sta affinando il palato. Spesso volentieri a forza di mangiar bene, faccio fatica ad apprezzare quello che di solito mi andava bene. Imparo a bere del buon vino a riconsocerlo a riconoscere la qualità dei prodotti e l’abbinamento dei sapori. E quando solitamente si dice mi piace ormai sento qualcosa che stona nel gusto. Insomma i pro e i contro di questo mestiere e questo mi succede anche quiando cucino a casa, divento sempre più severa nel valutare i miei piatti e per venirne fuori bene, vado su cose semplici e tendenzialmente sane. Bene in due anni mi è successo molto raramente di mangiare a casa di una foodblogger, che è un aspetto che mi è sempre sembrato particolare. Mi chiedevo:” ma visto che cucinano tanto perchè non fare grandi cene conviviali?” All’inizio ho conosciuto pentolapvessione di Sara Casiraghi che ha dato da mangaire a mezza Torino, e non fa mistero della sua cucina direi…., ma poi avevo l’acquolina in bocca a vedere tutte le foto delle mie colleghe, ma nulla di comprovato. Ho lanciato la sfida un pomeriggio e Alessandra Giovanile ha accettato subito di essere assagiata da me!!!

225074_1994379744148_5824896_nNel giro di pochi giorni mi è arrivato l’invito! Bene devo dire che la sorpresa è stata su tutti i fronti. La tavola era curata nei minimi particolari e il pane appena sfornato. Piccole pagnotte al latte fumanti uscite da…da ….cerco il forno e non lo trovo.

“Scusa Ale da dove è uscito sta meravigliosa creatura a forma di treccia?” dd53bbe87acb11e28a5622000a1fbe35_570a485307ad111e2bfae22000a9e0782_5Mi indica una sottospecie di fornetto elettrico sopra una mensola e io non credo ai miei occhi. Poi sparisce in una minuscola cucina, in una minuscola casa del centro di Torino. L’organizzazione ad incastro è perfetta. Gli ingredienti della cena sono pronti per l’assemblaggio. Un tavolino a parte con i ravioloni appena fatti in casa pronti per essere cotti. E la cena ha inizio. Crema di ceci con gamberi all’aglio, Culurgiones di baccalà con catalogna, pinoli e uvetta e per finire una Tarte Robuchon con la marmellata di pomodori.

ea0bf3e87ace11e2a6b122000a9f3070_517a0b9fc7ace11e2879322000a9f1376_5ee2874be7ad911e282d422000a9e516a_5

Bene che dire, una cucina curata nei minimi dettagli e con pochisssimi mezzi a disposizione, in cui nulla è facilitato dalla portata di elettrodomestici. Tutto rigorosamente a mano e su piccoli fornelli. Minimi attrezzi e massima resa. Non oso immaginare cosa possa combinare con una cucina attrezzata la ragazza, ma quello che mi colpisce è la dedizione e la minuzia dei particolari che emerge dalla sua cucina. E’ veramente una piacevole sorpresa e allora ho deciso di certificarla con duecuorieunaforchetta #isoblogger2013. Ale di Ricettedicultura è brava e tutto nella sua casa parla di cucina: i libri, i profumi e i sapori. I dettagli li prende dalla cultura del cibo, filosofia con cui ha deciso di costruire il suo blog. Con il cibo Alessandra fa cultura e tra tanto rumore nel web è una fonte d’ispirazione e di ossigeno che emerge da tutto il resto. Seguitela, perchè con i suoi vestiti vintage ti porta ad esplorare un mondo di cibo, storia e  Vale la pena. Mi ha omaggiato anche di questa splendida confezione di marmellata di pomodoro.

foto

Chi sarà il prossimo? hihihi.

Annunci

10 pensieri su “Ale e la sua Cultura nelle Ricette

  1. Ale - Ricette di Cultura ha detto:

    Grazie, Valeria!! Avevo capito che ti erano piaciuti i miei piatti, ma il modo in cui hai descritto tutto mi ha commossa!! E grazie anche per questa buffa foto di Lisbona che adoro, con il sole negli occhi e il vento tra i capelli!! 😀

  2. Paola ha detto:

    ma bravissima Ale!!! E’ proprio così che me la immagino… tutto organizzato alla perfezione in questa sua piccola casa che non ho mai visto ma di cui ho letto qua e là… e la dolcezza e l’amore che mette in tutto quel che fa.

  3. Mari ha detto:

    Complimenti Ale, sono davvero contenta di averti conosciuta…non vedo l’ora di assaggiare qualche tua specialità…da fotografare anche
    Mari

  4. valeria ha detto:

    è così. Difficle a questi tempi trovare delle cose fatte bene. Trovo trionfi l’approssimazione. Da lei trovi l’attenzione.

  5. Cristina Bonetti ha detto:

    Quando passate di qui ditemelo con un po’ di anticipo così sono certa di esserci! Pavia è piccola ma ha alcune chicche!!! 😉 e ve la farei conoscere volentieri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...